Pubblicato il

[email protected] non è più un indirizzo attivo

Agli albori di internet, quando ci collegavamo ad Internet con il vecchio modem a 33.6 kbit, creammo una casella di posta con email.it per ricevere i vostri files con Outlook Express. Con la diffusione di Internet, i tempi sono cambiati, e dal 2005 abbiamo iniziato ad usare , ben più professionale.

Visto che comunque molti clienti avevano il vecchio indirizzo in rubrica, abbiamo comunque continuato a leggere la vecchia casella quotidianamente, fino al 28 maggio 2014. Da quella data email.it ha cambiato il metodo in cui è possibile leggere le email e non possiamo più ricevere nulla:

erroreposta

L’unico modo per leggere è utilizzare la loro interfaccia web, ma è estremamente lenta e obsoleta. Migliaia di persone stanno protestando da quasi un mese, senza risultati. L’unico modo è abbandonare la casella e utilizzare un provider più professionale.

In conclusione: inviate le vostre email solo a , in quanto a breve smetteremo di controllare l’indirizzo [email protected]

Pubblicato il

Come impostare CorelDRAW per la stampa del bianco

Spesso ci viene chiesto come impostare i file vettoriali per la stampa con inchiostro bianco. Se il file è stato realizzato con CorelDRAW, è tutto molto facile, infatti il supporto ai colori speciali è già configurato e si abilita con soli due clic. Prima di tutto dobbiamo mostrare il pannello mobile “gestore tavolozza colori”, andando su Finestra>Finestre mobili>Gestore tavolozza colori (Oppure, per chi piace usare le scorciatoie da tastiera, premere ALT+N e poi F e poi R)

corelbianco1

Dopo aver attivato il pannello “gestore tavolozza colori”, aprire le librerie tavolozza, dentro le tinte piatte aprire la cartella “Roland” e mostrare la tavolozza “Roland VersaWorks”.  I colori che ci interessano sono il magenta chiamato CutContour, che indica alla nostra macchina dove tagliare l’adesivo e il grigio chiamato RDG_WHITE, che indica alla macchina di usare l’inchiostro bianco.

corelbianco2

Come utilizzare i colori speciali

Il primo colore, il magenta CutContour, deve essere applicato al contorno degli oggetti da ritagliare. Non sarà stampato, tutte le curve che hanno questa tinta piatta saranno tagliate dal nostro plotter. Per esempio, se vogliamo che l’adesivo sia tagliato con i bordi stondati, ci basterà creare un rettangolo, stondare gli angoli, e poi assegnare al contorno il colore CutContour.

Il secondo colore, è il RDG_WHITE, l’inchiostro bianco coprente. Mettiamo per esempio che noi vogliamo stampare su un adesivo trasparente una saetta ed un cuore:

corelbianco3

 Se applichiamo l’adesivo trasparente su una superficie di colore scuro, questo è quello che accadrebbe:

corelbianco4

L’inchiostro non è coprente e si “mischia” con lo sfondo. In questo caso è necessario usare il colore RDG_WHITE. Per far capire come funziona, nell’esempio seguente ho sovrapposto una saetta di colore RDG_WHITE alla saetta gialla, deformata orizzontalmente per mostrare meglio la sovrapposizione:

corelbianco5

Una volta stampato l’adesivo ed applicato sulla superficie scura, succederà questo: l’inchiostro bianco viene sempre applicato prima dell’inchiostro colorato (o sempre dopo, nel caso delle etichette speculari). e farà da base per gli altri colori, oppure come solo bianco:

corelbianco6

Sotto al cuore non c’era alcun fondo bianco, e quindi non risalta sopra lo sfondo scuro. Riguardo alla saetta, è venuta colorata di giallo anche se a monitor il bianco era sopra gli altri colori. Questo perché, come detto prima, l’inchiostro bianco viene stampato prima degli altri colori (o viceversa).

Il metodo migliore quindi per realizzare un adesivo con questa forma è quello di raddoppiare le due forme, unirle (non è strettamente necessario unirle, se due forme di colore RDG_WHITE si sovrappongono, l’area riceve comunque lo stesso ammontare di inchiostro, non raddoppia) e assegnargli il colore RDG_WHITE (e magari metterle in un livello apposito per una gestione più facile)

Oppure, nel caso di una forma facile come questa, assegnare il colore CutContour al bordo esterno dell’unione delle due forme. Lo stampiamo su adesivo bianco e lo tagliamo al bordo esatto.

Pubblicato il

Stampa di file P7M

dikeSempre più spesso ci vengono portati file P7M per la stampa. Che cosa sono? Sono file (prevalentemente PDF, ma possono essere di qualsiasi tipo) firmati con la firma digitale. Il problema è che è una soluzione tutta italiana: bisogna aprirli uno per uno con DiKe – guai ad aprire più di uno, altrimenti si chiude con un errore generico –, estrarli manualmente e infine riscrivere il nome del file a mano, perché DiKe non se lo ricorda e non lo indica.

Il resto del mondo utilizza la firma digitale integrata nel formato PDF, che tutti, senza installare alcun programma aggiuntivo, possono visualizzare senza problemi, i legislatori italiani invece hanno voluto trovare una soluzione “alternativa”.

La conclusione è: sì, possiamo stampare i file con firma digitale in formato P7M, ma è un’operazione che porta via molto tempo, quindi sarà addebitato un costo aggiuntivo per l’apertura di ogni file.

Consigliamo di inviarci i classici PDF: noi risparmiamo tempo e voi risparmiate denaro.

 

Pubblicato il

Stampa in bianco su trasparente

Quando stampiamo su adesivo trasparente, il colore della stampa non copre totalmente il colore di fondo dell’oggetto sul quale va applicato, ma si “mescola”, proprio perché è trasparente.

Vediamo quindi la differenza, sul solito materiale trasparente, di una stampa “normale” e di una sul cui retro è stata stampata una base con inchiostro bianco:

Stampa bianco su trasparente 1

I colori della stampa trasparente si “mischiano” con i colori scuri dello sfondo, mentre l’adesivo con la stampa in bianco, ha più stacco.

Ecco come si presenta il retro di un adesivo trasparente con fondo bianco:

Stampa bianco su trasparente 2

Ovviamente, se non c’è un reale bisogno di usare un adesivo trasparente, stampando su un vinile bianco si ottengono colori più brillanti: in questo caso il fondo infatti è perfettamente coprente e non si “fonde” con lo sfondo:

Stampa bianco su trasparente 4

Vuoi vedere quanto costa il tuo adesivo? Abbiamo allestito un facile preventivatore su Attacca.li, provalo subito!

Pubblicato il

Un muro diverso dal solito

Avete visto come abbiamo decorato il muro fuori dall’ingresso?

No? È un buon motivo per venire a vederlo, allora! 😜

Altrimenti potete guardare questo breve video che mostra realizzazione, stampa e applicazione dell’adesivo al muro

La rimozione sarà complicata? A prima vista sembra molto attaccato – e lo è, ma riscaldandolo con un phon, è possibile rimuoverlo senza problemi.

Nel frattempo, auguri a tutti!!!

Pubblicato il

L’adesivo che non lascia residui

Per festeggiare il Natale, avevamo posizionato un bell’adesivo sulla porta d’ingresso.

Essendo finito il periodo natalizio, abbiamo rimosso l’adesivo dal vetro. È stato difficile? Ha lasciato residui collosi difficili da rimuovere?

Assolutamente no! Il vinile adesivo che utilizziamo, oltre a possedere i canali per il deflusso facilitato delle bolle d’aria (e che quindi è molto facile da applicare), ha una colla di alta qualità che non lascia residui; inoltre il supporto in PVC è un materiale “colato”, che si adatta bene anche a superfici non piane, come per esempio un cofano di una macchina.

rimozioneadesivodalvetro3

La rimozione in corso

Ulteriori foto della rimozione sono disponibili nella galleria